Ripristino connettività ponte DSTAR IR7UBA

Il ponte ripetitore D-Star IR7UBA della nostra Sezione ARI di Bari è stato appena ripristinato dopo un lungo periodo di mancanza di connettività.

I soci Domingo IZ7OIX e Tommy IZ7ECL sono riusciti a raggiungere il sito di installazione e sostituire la Raspberry Pi che aveva cessato di funzionare con una nuova, modello Pi 4, più performante e con un opportuno sistema di raffreddamento.

La dashboard del ponte è raggiungibile all’indirizzo: http://ir7uba.aribari.it

Si allegano alcune foto dell’intervento.

ICOM, novità in anteprima dalla Fiera di Tokyo – ID-51 e IC-7100

Nuovo multi-band all mode touch screen IC-7100 e Nuovo bibanda D-Star  ID-51
Le novità non mancano e noi di aribari.it non ce le lasciamo certo sfuggire.
Gli amici Domingo IZ7OIX, Mario IZ6FGP ed Armando IK2XYP del Team IrcDDB-Italia (www.ircddb-italia.it )
ci hanno inviato in anteprima la brochure dei nuovi apparati ICOM IC-7100 e ID-51 .
Le loro caratteristiche sembrano davvero interessanti.

QUI potete scaricare in anteprima la brochure dell’ IC-7100

Nuovo bibanda D-Star  ID-51 ed il nuovo multi-band all mode touch screen IC-7100
Per chi fosse interessato alle novità in tema di nuovi apparati D-STAR a breve uscirà un nuovo portatile ICOM, l’ID-51 che sarà la versione bibanda dell’ID-31.
Al momento non e’ ancora commercializzato nemmeno in US dove si attende la certificazione dell’FCC, pero’ prima o poi apparirà tramite i vari fornitori.
In attesa di questo, per chi volesse vederlo in azione eccovi un video che immagino sia stato realizzato in Giappone, dove evidentemente l’apparato risulta disponibile.

http://www.youtube.com/watch?v=VDfRHGU0GjM&feature=youtube_gdata_player

Per chi volesse cimentarsi nell’impresa di capire il Giapponese, eccovi la presentazione dell’ICOM ID51 alla fiera radioamatoriale di Tokio, fiera da cui con molta probabilità e’ stato girato anche il video precedente

http://www.youtube.com/watch?v=eO1GQF7rg_M&feature=youtube_gdata_player

QUI potete scaricare in anteprima la brochure dell’ ID-51

 

FONTI:
-Armando Accardo IK2XYP – Admin Team IrcDDB-Italia.it
-Mario Ranni IZ6FGP – Team IrcDDB-Italia.it
-Domingo Conte IZ7OIX – Admin Team IrcDDB-Italia.it

perché non usare “RELAY,WIDE7-7,TRACE7-7” nel routing dei pacchetti APRS?

aprsNegli ultimi tempi, Bob Bruninga (WB4APR), autore dello standard APRS, ha suggerito di modificare ed ottimizzare le stringhe di configurazione sui TNC, sulle radio e sui softwares che fanno APRS perchè la rete è davvero congestionata a causa di errate configurazioni e della presenza di migliaia di pacchetti duplicati che vengono instradati e diffusi dagli i-gate e dai nodi.

A tal proposito vi riporto qui il contenuto di un articolo molto ben fatto
(Fonte: http://www.alfonsomartone.itb.it/bcgmgt.html)
che spiega dettagliatamente l’argomento.

Buona lettura
IZ7OIX Domingo

================================================================================

Domanda a bruciapelo: perché non usare “RELAY,WIDE7-7,TRACE7-7” nel routing dei pacchetti APRS?

Consideriamo per semplicità solo l’APRS sulla banda più nota (quella dei “due metri”): in Italia, il canale per l’APRS è sui 144,800 MHz.

In sintesi:

  • limitata capacità del canale: troppi pacchetti lo saturano
  • frequenti collisioni pacchetti: troppi pacchetti si disturbano a vicenda
  • importanza del pacchetto: a grandi distanze i tuoi pacchetti via RF non interessano (hanno pur sempre l’APRS-IS)
  • RELAY,WIDE,TRACE indicano un metodo di routing, non una distanza raggiungibile, e l’uso improprio può generare valanghe di inutili duplicati
  • le stazioni fisse devono parlar poco (“l’ho capito che sei lì! basta!”)
  • la probabilità di trasmettere senza errori è proporzionale alla quantità di traffico presente sul canale!

Alcuni argomenti che mi hanno convinto:

  • l’aver ricevuto sistematicamente, da stazioni fisse, quattro o cinque pacchetti uguali ogni volta (un beacon e tre o quattro ripetizioni, in pochissimi secondi!) con una frequenza nauseante… e spesso trattandosi di stazioni impresenziate!
  • l’aver ricevuto via RF (radiofrequenza) pacchetti di stazioni lontanissime da migliaia di chilometri di distanza (i primi giorni è simpatico, ma poi uno comincia a chiedersi perché mai la frequenza locale debba essere usata per sapere la versione di UIV32 usata da degli sconosciuti non italiani)
  • l’aver faticato non poco per farmi “sentire” su APRS-IS durante i miei spostamenti (i pacchetti si perdevano tra le collisioni in radiofrequenza).

Cosa significa “l’APRS funziona”?

  • non significa “ricevere tante stazioni”
  • non significa “ricevere stazioni lontane”
  • ma significa “le stazioni della tua area ti sentono”

Se il canale APRS è pieno al 50%, avrai il 50% di possibilità che il tuo pacchetto APRS vada “in collisione” con quello di qualcun altro. Se il canale è occupato al 70%, ad ogni pacchetto APRS che trasmetterai avrai il 70% di probabilità che tale pacchetto si perda…


Più dettagliatamente:

 

Considerazione Conseguenza
Anzitutto esiste una grande varietà di sistemi APRS. Praticamente non si possono proporre modifiche che richiedano l’upgrade di una consistente percentuale di sistemi, cioè non è facile aggiornare lo standard APRS attualmente in uso.
Sui 144,8 si va a velocità 1200. È alquanto difficile far di meglio date le condizioni (ampiezza del canale, potenza necessaria, etc).
Pertanto la trasmissione di un pacchetto impegna il canale per circa un secondo (possiamo realisticamente dire 1,2-1,4 secondi). Si può perciò stimare che la capacità teorica del canale riservato all’APRS è di non più di tremila pacchetti trasmissibili in un’ora senza collisioni di pacchetti e senza frazioni di secondo di attese tra i pacchetti.

La capacità pratica è alquanto inferiore; qui ordinariamente mi arrivano fino a millecento pacchetti APRS l’ora e “ad orecchio” il canale sembra più che saturo…

Un sistema APRS trasmette il pacchetto dati quando desidera(ciò è vagamente ispirato al protocollo Aloha, dove dopo anni di utilizzo realizzarono che l’efficienza risultante era stata appena del 18%; la variante di Aloha – suddivisione del tempo in “slot” – non è realizzabile a causa della grande varietà dei sistemi APRS e possibilmente della loro incapacità di ottenere dal GPS una risoluzione inferiore al secondo). Ciò implica il problema delle “collisioni”: se due sistemi trasmettono contemporaneamente il proprio pacchetto, si disturberanno a vicenda; nel migliore dei casi verrà ricevuto solo quello “molto più udibile” dai destinatari; altrimenti saranno persi entrambi (in tal caso sarà trascorso inutilmente del tempo utile sul canale).
Solo una minoranza di sistemi APRS (caso notevole, la Yaesu VX8) hanno una sorta di CSMA (carrier sense multiple access): se al momento di trasmettere risulta che qualcun altro sta trasmettendo, allora la trasmissione del proprio pacchetto viene rinviata finché risulta una portante. Sempre per motivi pratici, non si può implementare il monitoring per sapere durante la trasmissione di un pacchetto l’eventuale collisione. La maggioranza dei sistemi APRS, nel trasmettere un pacchetto, non è in grado di verificare le collisioni. Pertanto il canale va utilizzato con parsimonia.
La topologia della rete APRS in RF (radiofrequenza) è “uno-a-molti”: un mittente, tanti destinatari quanti sono in grado di ricevere correttamente il pacchetto. Conseguenza logica: l’APRS non è pertanto un sistema per ilvehicle-tracking (che concettualmente è un “uno-a-uno” o “molti-a-uno”).

Conseguenza pratica: sono necessari dei ripetitori(digipeaters) affinché l’area “locale” non sia troppo “locale”.

Nel ricevere i pacchetti APRS, ci interessa avere traccia delle stazioni nella stessa area; non serve a molto avere informazioni su stazioni molto lontane. Più è lontana la stazione, meno è interessante. Un pacchetto APRS dovrebbe perciò proliferare via radio solo entro un’area limitata dal numero di stazioni, non dal numero di chilometri. Al resto del mondo ci pensa internet (APRS-IS).
Tradizionalmente, una stazione fissa invia un pacchetto ogni venti minuti; una stazione mobile invia più frequentemente (uno ogni dieci minuti se è fermo, etc, fino a un pacchetto ogni 1-2 minuti). Dunque ogni stazione fissa occupa il canale per 3×n pacchetti l’ora (incluse le n ripetizioni dei digipeater dell’area) a cui aggiungere gli eventuali pacchetti di location, capabilities, etc (pure questi da moltiplicare per n); una stazione mobile contribuisce con 6×n pacchetti (se ferma) o più pacchetti se in movimento.

Dato che il limite teorico è di circa tremila pacchetti l’ora, se in area ci sono cinque ripetitori e venti stazioni fisse che trasmettono oltre alla posizione anche object e altro, il canale sarà già occupato almeno al venti-trenta per cento della sua capacità teorica, cioè al settanta-ottanta per cento della capacità pratica. Riuscire a trasmettere un proprio pacchetto APRS in queste condizioni è un’impresa disperata.

Le regole di routing (RELAY, WIDE, TRACE…) definiscono un metodo di routing, non una distanza raggiungibile o un numero di tentativi da effettuare. Vengono tradizionalmente interpretateuna per una, col risultato di generare più pacchetti contemporaneamente man mano che “girano”. Se un pacchetto viene ricevuto contemporaneamente da tre ripetitori e contiene per esempio RELAY, allora ognuno di questi tre procederà al RELAY. Ogni pacchetto “rigenerato”, se contiene anche un WIDE, verrà poi ulteriormente “rigenerato”.

Il suggerimento di Bruninga, autore dello standard APRS, è di sostituire il RELAY (sempre “eseguito”) con WIDE1-1(“eseguito” solo la prima volta) a inizio routing; utilizzare poi un solo “WIDEn-n” che sia “corto”, e ridurre il numero di “hops” (la proposta, detta “New-N”, è in vigore anche in Italia da ottobre 2008). In sintesi:

  • abolire completamente RELAY, TRACE, STATE e tutti i WIDE superiori a 3;
  • usare WIDE1-1,WIDE2-2 per le stazioni mobili;
  • usare WIDE1-1,WIDE3-3 per le stazioni mobili in aree dove il numero di sistemi APRS è particolarmente scarso (per esempio aree rurali pianeggianti e molto ampie);
  • usare WIDE2-2 per le stazioni fisse.

CubeSAT OUFTI-1 – il D-STAR è in orbita

L’ESA, Agenzia Spaziale Europea ha commissionato ad alcuni Professori e studenti del Dipartimento di Ingegneria Meccanica ed Aerospaziale dell’Università di Liegi, in Belgio, la progettazione e la realizzazione di un “nano-satellite” a forma di cubo di 10cm per lato, che servirà per numerosi esperimenti scientifici.
La notizia interessante è che il nano-satellite utilizza la tecnologia D-Star per il controllo da terra e per la gestione delle telemetrie.
OUFTI-1 è inoltre dotato di un trasponder VHF/UHF in D-STAR e di un Beacon costantemente attivo in CW.
Le due antenne hanno una lunghezza di 170 mm (beacon) e 500 mm (D-STAR e AX.25). Il materiale utilizzato per le stesse è un metallo a memoria di forma.

Ecco l’articolo realizzato dal Team dell’Università di Liegi

in formato tradotto da Google:
http://translate.google.it/translate?u=http%3A%2F%2Fevents.eoportal.org%2Fpresentations%2F266%2F10002251.html&sl=en&tl=it&hl=&ie=UTF-8
ed in lingua originale:
http://events.eoportal.org/presentations/266/10002251.html

Su questa pagina i componenti del Team:
http://www.leodium.ulg.ac.be/cmsms/index.php?page=contact

Qui una simulazione del lancio:
http://www.leodium.ulg.ac.be/cmsms/uploads/PPOD.avi

Domingo
IZ7OIX

 

Manutenzione Straordinaria Ponti Ripetitori Ari-Bari

ripetitori

Gentili amici e colleghi Radioamatori,

stiamo effettuando operazioni di manutenzione straordinaria dei nostri ponti ripetitori di Sezione , e probabilmente nel corso delle settimane a seguire si verificheranno problemi di possibili spegnimenti degli stessi.

La nostra pianificazione prevede che l’U2 430.050 e l’R6 145.750 , dotati di tono a 100.0 , diventino i 2 ponti cittadini, invece l’R7 alfa diventi ponte extra urbano.

Ci scusiamo per il momentaneo disservizio,

IZ7ECT MIKY coordinatore tecnico ARIBARI.

E’ nato www.ircddb-italia.it

Auguriamo buon lavoro agli amici di www.ircddb-italia.it

Il loro portale web offre visibilità immediata per tutti i possessori di nodi HotSpot D-Star,
oltre che una serie di informazioni utili per chiunque volesse compiere i primi passi verso
questa nuova ed avvincente tecnologia.

Il Team ircddb-italia gestisce inoltre il gruppo su Yahoo
http://groups.yahoo.com/group/ircDDB-Italia/
il cui obiettivo è quello di facilitare lo scambio di informazioni ed idee tra i SysOp della
nascente rete ircDDB operativa sul sistema DStar.

In bocca al lupo da parte dello staff di aribari.it

Guide: Come Tarare un filtro in cavita’ con notch

Con questa guida cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sulle modalità di taratura di un classico filtro in cavità con notch da utilizzare per i nostri ripetitori senza disporre di un analizzatore di spettro con tracking.

Immaginiamo di dover tarare il nostro filtro su una frequenza di trasmissione FreqTX e di ricezione FreqRX .

Innanzi tutto tareremo il nostro filtro SINGIOLARMENTE, cavità per cavità.

Ci serve un ricetrasmettitore, un ROSmetro, un WATTmetro ed un carico fittizio o un’antenna accordata ovviamente sulla frequenza da utilizzare.

La sequenza di collegamento è quella indicata nello schema sottostante:

cavita

Taratura cavità di Trasmissione

– Taratura Frequenza di Trasmissione (manopola centrale):

Impostare il TX sulla frequenza FreqTX.

Premere il PTT e ruotare la manopola sino ad ottenere il minimo ROS e la massima potenza irradiata.

– Taratura NOTCH (manopola laterale):

Impostare il TX sulla frequenza FreqRX.

Premere il PTT e ruotare la manopola del notch sino ad ottenere il massimo ROS e la minima Potenza irradiata

Taratura cavità di Ricezione

– Taratura Frequenza di Ricezione (manopola centrale):

Impostare il TX sulla frequenza FreqRX.

Premere il PTT e ruotare la manopola sino ad ottenere il minimo ROS e la massima potenza irradiata.

– Taratura NOTCH (manopola laterale):

Impostare il TX sulla frequenza FreqTX.

Premere il PTT e ruotare la manopola del notch sino ad ottenere il massimo ROS e la minima Potenza irradiata

Adesso tutti i componenti della nostra cavità sono tarati correttamente.

Non ci resta che assemblare la catena e testare il tutto

Buon lavoro!

Puoi scaricare da QUI il Pdf di questa guida

Novità dal mondo D-Star – il DVAP

DVAPDongle

DVAP- DV Access Point

Da pochi giorni è disponibile in America, e tra poco anche in Europa, il DVAP ( DV Access Point ).
Il DVAP, realizzato dagli stessi progettisti del DV Dongle, è di fatto una sorta di “access point” che consente a chi ha una radio D-Star ma non ha nessun ripetitore nella sua area di copertura, di creare un mini Hot Spot casalingo, con un raggio di copertura di circa 100 m (espandibile con un’antenna esterna). Ovviamente il dispositivo necessita di un pc con sistema operativo Windows o Linux e di una connessione ad internet. Basta istallare un piccolo software (disponibile all’indirizzo http://www.opendstar.org/tools/) per essere operativi sul sistema D-Star.
Attraverso dei semplici comandi da radio è poi possibile “telegestire” il DVAP indicandogli, attraverso il campo “YOUR” della nostra radio, a quale reflector e/o gateway deve collegarsi.
Volendo fare una similitudine, il DVAP di fatto si comporta allo stesso modo dell’ormai famosa scheda Satoshi, con la differenza che a bordo è già dotato di un modulo radio (seppure a bassissima potenza) e non necessita quindi di connessioni esterne ad una radio analogica via porta dati. Inoltre, (a differenza della scheda Satoshi), avendo un solo modulo radio al suo interno, il DVAP lavora in modalità SIMPLEX.
Il software del DVAP si connette al software DPLUS che gira sui Gateways ICOM e sui Reflector.
Non può connettersi ai softwares DEXTRA_SERVER e DEXTRA_REFLECTOR (XREFLECTOR) sviluppati in Open Source.
Ovviamente, per motivi “politici” sarà molto difficile che il DVAP diventi “compatibile” con tali softwares Open Source.

Domingo
IZ7OIX

Esempio di programmazione di una radio che deve accedere alla rete D-Star attraverso un DVAP

DVAP-RS92-prog

Fonte http://www.opendstar.org

EXPO ELETTRO PUGLIA

Fonte www.pescaraonline.net

RADIOAMATORI SUL TERRITORIO PUGLIESE ***EXPO ELETTRO PUGLIA *** BARI E CASTELLANA UNITE A SAVELLETRI (Fasano)

del 08/02/2010

Non tutti i visitatori accorsi a Savelletri (una frazione di Fasano) per visitare la EXPO ELETTROPUGLIA (circa 15.000) sabato 6 e domenica 7 febbraio si sono resi conto che quella manifestazione era frutto di una iniziativa, giunta alla quinta edizione, delle Sezioni ARI (Associazione Radioamatori Italiani) di Bari e Castellana Grotte. E allora, vi domanderete, perché Savelletri ? Anche se gli organizzatori a questa domanda rispondono con una alzata di spalle come per dire “…la località è solo un dettaglio…” io credo che meriti di essere sottolineato l’aspetto sociale di una collaborazione sicuramente esemplare nell’ambito di un Sodalizio, come quello radiantistico, che affonda le sue radici nello scambio delle esperienze e soprattutto nell’amicizia tra gli iscritti.

Per inciso va detto che a bari è Presidente Lello Cafaro ik7FIB, stimato “OM” entrato dell’ARI negli anni ’70 quando era ancora studente delle medie e che a Castellana Grotte è Presidente Padre Pio d’Andola, un frate missionario conosciuto e amato non solo dai radioamatori e dalla intera Comunità regionale, ma anche in Israele dove risiede spesso per motivi attinenti all’organizzazione dell’ordine religioso cui appartiene. Va aggiunto che il Presidente del Comitato Regionale ARI Puglia è Nino Candia, i7OZV che può essere considerato una specie di regista della situazione.

Da quanto hoaccennato sopra si possono comprendere le motivazioni che sono alla base di questa collaborazione che potrebbe apparire non comune in una epoca in cui è difficile mettere d’accordo i i condomini di un palazzo.

LA FIERA
Data la centralità di Savelletri rispetto ad un territorio esteso tra le province di Bari e Brindisi, fin dalle prime ore di sabato 6 febbraio una folla di appassionati si era assiepata intorno al cancello d’ingresso.
Cosa offriva la fiera? C’era da scegliere nei settori della tecnologia delle comunicazione. Dagli apparati usati dai radioamatori ai computer di tutte le dimensioni ed i prezzi, dalle antenne per tutte le frequenze alle comunicazioni interne per aziende, ai sistemi sofisticati di video-sorveglianza, alle ricetrasmittenti CB. Il settore elettrico offriva sistemi di alimentazione attraverso pannelli solari e tutta una serie di moderni soluzioni per consumare meno energia rispettando l’ambiente.

Il prossimo anno la EXPO ELETTROPUGLIA emigrerà nel vicino centro commerciale di CONFORAMA dove potrà disporre di molto spazio e di tutti i sevizi collegati. Si tratta sicuramente di un salto di qualità che gli organizzatori mettono in evidenza soprattutto in considerazione delle difficoltà che i visitatori e gli espositori incontrano attualmente per la mancanza di un clima riscaldato nonché per la inadeguatezza dei parcheggi e dei servizi di ristoro e igienici.

IL GRUPPO DEGLI ORGANIZZATORI
Oltre allo spirito organizzativo e di collaborazione tra le due Sezioni ARI di Bari e Castellana, tra gli organizzatori si evidenzia un solido spirito di gruppo intorno ai leader. La figura carismatica di Padre Pio d’Andola ispira fiducia nel corpo sociale tra cui spiccano le figure dei dirigenti Cafaro e Candia. Ma che dire degli altri ? Che dire di Marino Lacalandra su cui pesano fa fasi vitali dei servizi preparativi e organizzativi? Che dire di Stefano Santastasi, di Anna Rizzi, Ornella Candia, Alberto Minelli ? Sicuramente mi sfugge qualcuno a cui chiedo scusa.
La EXPO ELETTROPUGLIA, inoltre, ha il non trascurabile vantaggio, rispetto a molte altre manifestazioni, di essere gratuita. Non esiste infatti biglietto di ingresso. Ciò comporta un surplus di visitatori che in certe ore, specialmente subito dopo le aperture, intasano i corridoi e rendono difficoltosi gli acquisti da parte di altri visitatori interessati a rintracciare gli articoli desiderati.
Si tratta comunque di un “difetto” tipico di crescita riscontrato nella evoluzione di queste rassegne in altre parti d’Italia. Al centro e al Nord, infatti, difficilmente si trovano Fiere ad ingresso libero ma questo è un altro discorso che per ora non è prioritario nei programmi di Candia e Cafaro.

LE IMMAGINI

1 – Il sindaco di Fasano Pasquale Di Bari taglia il nastro della inaugurazione.
2 – Padre Pio d’Andola (a destra) insieme a Lello Cafaro ik7FIB (al centro) iniziano la visita agli Stand
3 – I due “Leader” soddisfatti del successo (15.000 visitatori) della EXPO ELETTROPUGLIA
4 – Lo stand della pugliese PRO. SIS. TEL.
5 – Il banco della ELETTROPRIMA uno degli espositori più richiesti
6 – (da sinistra) Anna Rizzi e Ornella Candia

*****************************
IMPORTANTE***Tutto il materiale pubblicato su questo spazio web amatoriale e personale, fondato e condotto a proprie spese da Romano Di Bernardo senza scopo di lucro, non ha una periodicità fissa, anche in presenza di particolari servizi (come ad esempio “eventi” e “news”) il cui nome presume una regolarità. La pubblicazione di qualsiasi materiale informativo non ha orari o date prestabilite di messa on-line. Il sito www.pescaraonline.net, per tanto, non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto presenti sul sito sono dei rispettivi autori, nel caso violino i diritti d’autore saranno rimosse in seguito a pronta comunicazione.